Le viole del pensiero sono ibridi nati dall’incrocio di diverse specie di viole di origine europea. Ne esistono numerosi ibridi e viene solitamente utilizzata come stagionale; i fiori hanno infinite sfumature e colori, fino al porpora-nero ma anche diverse dimensioni dal fiore, dai più piccoli a quelli macro.

Fiorisce dall’autunno all’inizio dell’estate, quando il caldo estivo comincia a rovinarle. Si piantano in aiuole e bordure, ma sono anche ideali in vasi e in panieri appesi e in ciotole miste con altre piante stagionali oppure con bulbose primaverili come i tulipani.
L’esposizione che predilige è pieno sole in inverno e  mezz’ombra in  tarda primavera, quando il caldo comincia ad aumentare.
Durante l’inverno resiste alle gelate, sebbene interrompa la sua fioritura, che riprende con il sole caldo della primavera; in luoghi riparati invece continua a fiorire anche durante l’inverno.
Le bagnature in vaso devono garantire un terriccio deve sempre essere appena umido, evitando i ristagni idrici che favoriscono i marciumi. Non teme la pioggia. Durante la stagione più fredda ridurre le bagnare e, se necessario, bagnare nelle ore più calde per evitare che la terra appena bagnata, ricca d’acqua possa gelare durante la notte. In giornate fredde ma ventose ed asciutte, invece controllare che il terreno non si asciughi troppo.
Per avere belle fioriture, conviene nutrire regolarmente con concime liquido per piante fiorite. Il rinvaso si effettua al momento dell’acquisto, utilizzando un terriccio universale o per piante da fiore. La pulizia dei fiori appassiti è utile per favorire l’emissione di nuovi boccioli.

UN CONSIGLIO IN PIU’: se coltivati in modo biologico, i fiori della Viola sono ottimi per decorare e dar gusto ad insalate, formaggi e altri piatti in cucina!